Frutta di stagione: perché fa bene e quando mangiare cosa

Condividi su Facebook

News
Pubblicato il 04-01-2019 da Barbara Savodini
frutta di stagione bimbi mangiano frutta
Una fresca fetta di cocomero ad agosto, fragole a volontà in primavera e kiwi 100% italiani: scopri i frutti che, mese per mese, ti doneranno una salute di ferro.

Tabella dei contenuti


    Mangiare frutta di stagione è il miglior modo per fare il pieno di energie e vitamine spendendo poco. Ma non solo, seguire la stagionalità gratifica anche il palato perché un frutto cresciuto sull'albero fino al culmine della maturazione ha un sapore unico e ineguagliabile.

    Senza considerare poi che mele, pere o banane primaticce, tardive o completamente al di fuori da ogni logica stagionale, hanno valori nutritivi poverissimi se paragonate con gli equivalenti colti al momento giusto.

    Avete mai provato ad assaggiare un mango dell'Ecuador oppure appena colto sull'isola di Zanzibar? Niente a che vedere con ciò che troviamo al supermercato, a tal punto da sembrare un altro frutto.

    Assodato che mangiare frutta fa bene, il consiglio è quello di scegliere cosa comprare in maniera consapevole.

    Ad apprezzare il cambio di abitudini saranno anche i più piccini che mangeranno più di buon grado qualcosa di più gustoso e favorito come un frutto appena colto.

    La frutta di stagione mese per mese

    Immagine
    Mangiare frutta fa sempre bene ma scegliere quella di stagione è più salutare ed economico

    Abbiamo capito che mangiare frutta ma anche verdura di stagione è meglio tanto per le nostre tasche quanto per il palato e per l'organismo ma come si fa a riconoscerla?

    Tra serre, esportazioni e raccolti precoci con maturazione controllata la stagionalità dei frutti si è decisamente persa.

    Andiamo dunque a ricostruire il calendario della frutta di stagione mese per mese, fermo restando che questo non è l'unico parametro da prendere in considerazione.

    Sono infatti importanti anche altri due fattori:

    • vicinanza 
    • tecniche di coltivazione 
    calendario frutta di stagione
    I principali frutti mese per mese nella cosiddetta ruota della salute

    Una mela al giorno toglie il medico di torno, insomma, ma se puoi coglierla dall'albero poco prima di mangiarla o da quello del vicino tanto meglio.

    Una chimera? Non secondo Coldiretti che ha fatto di Campagna Amica, fondazione in cui vengono promossi valori quali la stagionalità, il km 0 e il Made in Italy, il suo fiore all'occhiello.

    Alla luce di quanto detto, tra clima mite e terreni fertili, non stupisce che l'Italia sia campionessa italiana di biologico.

    Tutti i frutti di stagione in una tabella

    Stagione Frutti
    Inverno Arance, mandarini, pompelmi, melograni, pere, kiwi, limoni, cedri, mele, cachi, clementine, nespole germaniche, sorbe, bergamotto, litchi (ciliegia della Cina).
    Primavera fragole, prime ciligie, limoni, nespole, susine
    Estate albicocche, meloni, fichi, ciliegie, pesche, prugne, anguria (cocomero), mirtilli, more, lamponi, fragole, banane siciliane, fichi, amarene
    Autunno pere, melograni, cachi, datteri, giuggiole, castagne, cedri, uva, pistacchi, kiwi, limoni, avocado (varietà invernali)

    Per i più precisini o davvero attenti alla stagionalità, ecco un elenco dei frutti consigliati mese per mese.

    Frutta di stagione gennaio: fai il pieno di vitamina C

    La natura non fa nulla di inutile disse Aristotele nel IV secolo a.c. e, pensando alla stagionalità della frutta, non si potrebbe pensare ad un'affermazione più azzeccata. 

    Tutto ciò che nel mese di gennaio arriva a maturazione è quanto di più indicato possa esistere per prevenire i malanni di stagione.

    Gli agrumi, in particolare, sono ricchi di vitamina C così come tutte le varietà di kiwi (verde, giallo e rosso). Benché la raccolta di questo frutto avvenga già a partire da ottobre, grazie alle più recenti tecniche di conservazione esso viene venduto come fresco per tutto l'inverno, gennaio compreso. 

    Nelle zone del centro Italia e del meridione, invece, gli agrumeti già da un po' sono vestiti a festa e colorano strade e campagne di giallo e arancione. Una prevenzione naturale contro il raffreddore e ogni malanno di stagione: l'acido citrico, contenuto in arance e mandarini, è infatti una sostanza preziosa per il nostro organismo. Mangiare frutta di colore arancione vuol dire infine fare il pieno di vitamine, in particolare A, B2, B2 e B3.

    Ecco, dunque, una lista con tutti i frutti tipici del mese di gennaio:

    • Arance bionde
    • Clementine
    • Limoni
    • Cedri
    • Mandarini
    • Pompelmi
    • Bergamotto
    • Mele diverse varietà tra cui la mela annurca 
    • Pere
    • Cachi (kaki)
    • Sorbe
    • Nespole germaniche
    • Litchi (ciliegia della Cina)
    • Corbezzolo (frutto)

    Quanto a questi ultimi due frutti la spiegazione è doverosa.

    La sorba è un antico frutto, oggi piuttosto raro, che si trova sporadicamente in tutta Italia e con maggior frequenza nelle isole. Il raccolto comincia a ottobre e si protrae per tutto l'inverno fino, appunto, a gennaio. Le sorbe sono un toccasana in quanto sono ricche ricche di acido malico e vitamina C.

    Il nespolo germanico è invece una varietà del tutto diversa rispetto all'albero che produce le nespole più comuni, il nespolo giapponese. Resiste fino a -15 gradi e ha una fioritura tardiva che consente a questa specie di non temere le gelate. Il raccolto comincia in autunno ma è possibile cogliere frutti dall'albero fino a inverno inoltrato

    Il nespolo germanico, oltre ad essere un arbusto mediamente piccolo e perfetto per il giardino (attrae le api impollinatrici) produce un frutto ricco di vitamine del gruppo B, potassio e magnesio. Ma non solo, si tratta anche di un regolatore naturale dell'intestino: mangiare nespole germaniche mature ha un effetto lassativo mentre mangiarle acerbe ha proprietà antidiarroiche e astringenti. 

    Il frutto del corbezzolo (bacche color giallo-arancio) arriva a maturazione verso la fine dell'anno in Toscana e in altre regioni centrali motivo per cui viene consumato spesso a gennaio. Altre caratteristiche che lo contraddistinguono solo l'alto contenuto di calorie (76 per 100 grammi) e lasua  versatilità (fermentazione in bevande alcoliche, marmellate e sotto spirito). Esso è inoltre ricco di vitamina E, è indicato contro la diarrea e, con un effetto fortemente antiossidante, combatte i radicali liberi. 

    Ultimo frutto invernale da segnalare, non certo in ordine di importanza, è il litchi o ciliegia cinese: l'albero è sempreverde ma i frutti arrivano a perfetta maturazione nel tardissimo autunno. I litchi possono essere quindi raccolti e mangiati per buona parte dell'inverno e, in particolare a gennaio. Soltanto 10 litchi sono sufficienti per il fabbisogno giornaliero di vitamina C.

    Frutta di stagione febbraio: mele, cachi e non solo

    • Arance
    • Cachi (kaki)
    • Kiwi
    • Limoni
    • Mandarini
    • Pompelmi
    • Mele
    • Pere
    • Fragole

    Tra inverno e primavera: la frutta di stagione a marzo

    Marzo è un mese di transizione, si trovano ancora i frutti invernali, molti dei quali raccolti alla fine dell'autunno e poi conservati per la più fredda delle stagioni, ma anche tante tipicità primaverili. Molto dipende dal luogo di residenza. Essendo l'Italia lunga e stretta non possono che esserci differenze macroscopiche tra regioni come il Trentino e la Valle D'Aosta e la Sicilia dove, grazie a clima mite e sole battente, già a marzo arrivano a maturazione primizie tipicamente primaverili.

    • Arance
    • Cedri
    • Kiwi
    • Limoni
    • Mandarini
    • Mele 
    • Pere
    • Fragole

    Frutta di stagione aprile: è la nespola la più prelibata

    • Nespola
    • Limone
    • Cedro
    • Fragole
    • Kiwi
    • Pere

    Frutta di stagione maggio: fragoline e primizie

    • Fragole
    • Ciliegie
    • Nespole
    • Limoni
    • Meloni

    Ciliegie a gogò: la frutta di stagione di giugno

    • Ciliegie
    • Pesche
    • Meloni
    • Fragole
    • Albicocche
    • Susine
    • Limoni
    • Frutti di Bosco
    • Anguria (cocomero)

    Frutta di stagione luglio: pesche, susine e molto altro

    • Pesche
    • Susine
    • Albicocche
    • Angurie
    • Ciliegie
    • Fichi
    • Fragole
    • Lamponi
    • Limoni
    • Meloni
    • Mirtilli,
    • Ribes
    • Prugne
    • Frutti di Bosco

    Cocomero e frutti rossi: la frutta di stagione ad agosto è una libidine

    • Anguria
    • Melone
    • Pesche
    • Fichi d'india
    • Albicocche
    • Prugne
    • Susine
    • More
    • Lamponi
    • Mirtilli
    • Banane siciliane
    • Uva

    A tutta uva: la frutta di stagione settembre

    • Uva
    • Prugne
    • Fichi
    • More
    • Pere
    • Pesche
    • Limoni
    • Lime

    Tutto il gusto delle castagne: la frutta di stagione di ottobre

    • Castagne
    • Uva
    • Melograno
    • Pere
    • Mele
    • Kiwi
    • Pompelmo

    Mele, mandarini e melograni: la frutta di stagione a novembre comincia per M 

    • Arance
    • Mandarini
    • Mele
    • Melograni
    • Castagne
    • Limoni
    • Uva
    • Cachi (kaki)

    Frutta di stagione dicembre: noci, noccioline e gusci a volontà

    • Noci
    • Uva
    • Mandarini
    • Arance
    • Limoni
    • Mele
    • Pere
    • Pompelmi
    • Castagne

     

     

     

    Leggi anche

    copertina

    Kiwi giallo: origine, usi e proprietà

    Contiene tre volte i quantitativi di vitamina C di un arancio, è dolcissimo e versatile in cucina: dopo averlo provato non potrai farne più a meno


    copertina

    Varietà di fragole: conoscerle per amarle

    Berlubi, Sensa Sengana, Favette e Annabella: scopri tutte le versioni e le peculiarità del frutto più amato di tutti i tempi


    copertina

    Kiwi rosso: tante vitamine, infinita dolcezza ed estrema versatilità

    Quanto si discosta questa varietà dal suo fratello verde? Quanto costa e quali sono i benefici? Scopri tutto sul frutto più in voga dell'anno


    copertina

    L'ortofrutta più divertente di tutti i tempi? Quella di Esselunga

    A distanza di 23 anni la campagna pubblicitaria promossa dal colosso della gdo è ancora considerata tra le migliori della storia


    copertina

    La “Nardoni Gabriella” conquista tutti al Villaggio Coldiretti

    Sapori contadini come le erbette di montagna, la borragine, le ortiche, il finocchietto selvatico “catturano” i visitatori alla riscoperta degli antichi sapori perduti simbolo di genuinità e di Made in Italy


    copertina

    Varietà ortofrutticole in via di estinzione: arrivano i sigilli

    L'iniziativa di Coldiretti per salvare la biodiversità contadina: secondo gli ultimi dati perse 3 eccellenze su 4


    Italia campionessa internazionale di biologico: i dati di Coldiretti

    Secondo l'associazione fondata da Paolo Bonomi, con un ottimo + 10,5% nel 2018, il Bel Paese è primo nel mondo per la produzione di ortofrutta con tecniche naturali


    Prevenzione contro il tumore al seno: il bollino di Chiquita diventa rosa

    Il simbolo raggiungerà nel solo mese di ottobre 200 milioni di persone in 70 paesi del mondo


    copertina

    Qual è il miglior olio italiano? I nomi regione per regione

    Secondo la guida "Flos Olei 2019" la medaglia d'oro è da dividere in sette


    copertina

    Dolce, antiossidante, buono: tutti pazzi per il datterino giallo

    Quanto costa, dove viene coltivato, come cucinarlo e, soprattutto, come riconoscerlo: scopri tutto sul pomodoro color oro