Corbezzolo: alla scoperta del frutto simbolo dell'Italia

Condividi su Facebook


Prodotti
Pubblicato il 07-03-2019 da Redazione
corbezzolo
Tra le innumerevoli bacche rosse presenti in natura sapresti riconoscere i frutti del corbezzolo?.

Tabella dei contenuti


    Il corbezzolo o arbutus unedo, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Ericaceae che genera piccoli frutti rossi, simili all'incrocio tra una bacca e una fragola, circondati da piccoli e ruvidi rigonfiamenti, chiamati “corbezzole”.

    Questa pianta dalle foglie verdi, fiori bianchi e frutti rossi, è chiamata anche “pianta di Garibaldi”, per l'evidente richiamo al tricolore.

    Il suo nome latino (arbutus unedo) si deve invece a Plinio il Vecchio che, per assaporare appieno il gusto del frutto, sosteneva fosse necessario gustarne uno per volta (letteralmente “unum”, cioè uno ed “edo”, cioè mangio).

    Il frutto si presenta con un rosso intenso esternamente, mentre la polpa è giallo/arancio.

    Corbezzolo pianta: come riconoscerla

    pianta corbezzolo
    Buccia con rigonfiamenti esterni colore rosso, polpa giallo-arancio e sapore intenso: il corbezzolo è uno dei frutti più prelibati dell'inverno

    Originaria del Mediterraneo, ma molto diffusa anche in Irlanda e in Francia, la pianta di corbezzolo è arbusto sempreverde, molto longevo, che può vivere fino a diversi secoli.

    Il suo fitto fogliame ricorda un cespuglio, ma può raggiungere gli otto, o in condizioni ottimali di coltivazione, anche i dieci metri di altezza.

    fiori di corbezzolo
    I fiori del corbezzolo sono bianchi e vedere la pianta verde costellata di puntini bianchi è uno spettacolo della natura

    Il corbezzolo è una pianta da frutto ma è anche ornamentale per via della massiccia produzione di bacche che la rendono maestosa e scenografica.

    La corteccia è rossastra e sottile, il fusto corto e le foglie verdi frastagliate possono raggiungere i dieci cm di lunghezza e 3 cm in larghezza, il corbezzolo tende a maturare i suoi frutti in autunno, precisamente da ottobre a dicembre come del resto già anticipato nella nostra guida dedicata alla frutta di stagione.

    Prendere nota di queste caratteristiche è fondamentale perché, altrimenti, potrebbe essere facile confondere questo frutto con altre bacche rosse presenti in natura oppure con alcune particolari varietà di fragole.

    Come coltivare il corbezzolo

    Nonostante non abbia bisogno di molta acqua per la crescita e prediliga gli ambienti aridi, il corbezzolo necessita di un terreno costantemente umido e di un clima caldo o mite, ma riesce a sopportare anche temperature relativamente più rigide, come il clima continentale della pianura padana.

    L'arbutus unedo può essere facilmente coltivato in giardino, preferibilmente al riparo da venti umidi e correnti, evitando terreni che potrebbero ristagnare con la pioggia (questi fattori potrebbero ostacolare la maturazione del frutto).

    Come piantare il corbezzolo

    Il corbezzolo può essere coltivato sia in vaso che in terra aperta ma, in entrambi i casi, bisognerà individuare un punto non troppo ventoso perché, altrimenti, i piccoli fiori voleranno via prima di aver dato vita ai frutti. 

    Il consiglio è quello di acquistare una pianta medio adulta, crescerla per qualche mese in vaso e poi proseguire con il travaso.

    Una volta raggiunta una certa altezza, la pianta continuerà ad evolversi in larghezza e in altezza senza particolari cure.

    Il corbezzolo cresce spontaneamente nella macchia mediterranea motivo per cui le nostre latitudini rappresentano le condizioni perfette.

    Stai pensando di rinnovare il tuo giardino con piante utili oltre che ornamentali? Dai uno sguardo alla nostra guida sulle erbe aromatiche.

    Corbezzolo frutto: come riconoscere la maturazione perfetta?

    corbezzolo frutto foto
    A perfetta maturazione il corbezzolo è rosso ma è preferibile coglierlo quando è arancio in quanto, altrimenti, la sua durata sarà di pochi giorni

    I tre principali parametri da tenere a mente sono colore, consistenza e sapore.

    Il frutto del corbezzolo si tinge di un colore diverso a seconda della fase di maturazione:

    • quando è molto acerbo si presenta verde
    • diventa giallo/arancio quando è quasi maturo
    • infine assume una caratteristica colorazione finale rossa che lo rende simile ad una bacca

    A maturazione completa, il frutto del corbezzolo raggiunge un diametro compreso tra 1,5 e 3 cm.

    Una volta constatato il colore del frutto, è necessario verificarne la consistenza e il gusto: il frutto dev'essere ruvido e morbido al tatto e avere un sapore dolce, lievemente aspro.

    I frutti del corbezzolo sono commestibili? Ovvio che sì anche se solo pochissime persone sanno riconoscerli e hanno imparato ad apprezzarli.

    Come si mangia il corbezzolo?

    come si mangia il corbezzolo
    Il corbezzolo si mangia con la buccia, come fosse una fragola, ma può anche essere inserito in macedonie, essere messo sotto spirito o trasformato in marmellata.

    Le principali varietà di corbezzolo sono l'Arbutus unedo (il più comune), l'Arbutus unedo “Atlantic” e l'Arbutus unedo. Il bello di questa pianta è che si può mangiare praticamente tutto:

    • I frutti
    • Il miele che da essa deriva
    • Le foglie essiccate
    • Le radici

    Radici e foglie secche, in particolare, devono essere preparate in un decotto e sono considerate un toccasana disturbi al fegato, ai reni e alle vie urinarie.

    I frutti, da raccogliere sempre alla giusta maturazione (altrimenti il sapore sarà amaro), possono essere mangiati assoluti o in moltissime altre versioni.

    Marmellata di corbezzolo e altri usi

    Grazie alla consistenza ruvida all'esterno e al cuore dolce, la corbezzola può essere consumata fresca, una volta raggiunta la maturazione e dunque la consistenza più morbida, o essere resa protagonista di prodotti deliziosi come gelatine, sciroppi, liquori, succhi e marmellate dal gusto fresco e intenso.

    Poiché le bacche, una volta raccolte, tendono a deteriorarsi velocemente, è abitudine diffusa quella di ricavare da questo frutto la marmellata o la confettura.

    Realizzarla è semplicissimo e richiede solo prodotti naturali come lo zucchero e il limone.

    La marmellata di corbezzole con fruttapec è sconsigliata semplicemente perché non necessaria: per ottenere lo stesso effetto si può infatti utilizzare la polpa di mela.

    Così sarà possibile ottenere un prodotto 100% naturale. 

    Il miele di corbezzolo

    miele di corbezzolo
    Il miele di corbezzolo, che in natura si trova in forma cristalizzata, ha un retrogusto amarognolo ed è perfetto per accompagnare i formaggi.

    Del corbezzolo però non si butta via nulla, perché dai suoi fiori bianchi milliferi viene prodotto il celebre miele di corbezzolo, dal retrogusto amarognolo e il profumo aromatico, un prodotto particolarmente difficile da trovare.

    Il gusto intenso del miele di corbezzolo è perfetto per condire i formaggi.

    Infusi e tisane a base di foglie di corbezzolo invece, gioverebbero al sistema nervoso e allevierebbero i disturbi intestinali, producendo un effetto rilassante.

    Tutto questo senza dimenticare il famoso detto “il troppo stroppia”: assumere abbondanti quantità dei frutti di corbezzolo potrebbe provocare bruciore intestinale. 

    Le proprietà del corbezzolo: la migliore pianta medicinale

    Fin dai tempi antichi, il corbezzolo è rinomato per i suoi effetti benefici e depurativi.

    Le sue proprietà antinfiammatorie infatti, sono in grado di alleviare e curare efficacemente le infezioni del tratto urinario, come cistiti, uretriti e disturbi alla prostata.

    Anche le foglie possono essere consumate, in quanto ricche di vitamine e antiossidanti, mentre alcuni studi sostengono che le radici di questa pianta possano prevenire malattie come l'arteriosclerosi.

    Il decotto di foglie di corbezzolo è inoltre un ottimo alleato di bellezza, in quanto tonifica e preserva l'elasticità della cute.

    Leggi anche

    copertina

    Alla scoperta del Kiwi di Latina IGP

    Polpa soda e verde smeraldo, sapore dolce ma non troppo, bollino inconfondibile e forma perfetta: come riconoscere la varietà pontina del più amato dei frutti autunnali


    copertina

    Agricoltura 4.0: upgrade digitale per il 44% delle imprese italiane

    I dati del politecnico di Milano incoraggianti per tutto il settore: se ne parlerà alle Fiere Maf e MoMeVi


    copertina

    Mandorli in fiore e primavera in anticipo: le preoccupazioni di Coldiretti

    Con le loro sfumature meravigliose, gli alberi da frutto sono uno spettacolo ma secondo l'associazione di categoria non è buon segno


    copertina

    Dolce, antiossidante, buono: tutti pazzi per il datterino giallo

    Quanto costa, dove viene coltivato, come cucinarlo e, soprattutto, come riconoscerlo: scopri tutto sul pomodoro color oro


    copertina

    Erbe aromatiche: è completo il tuo orto?

    Come usarle, dove acquistarle e quando coltivarle: la mini guida che risponderà a tutte le tue domande


    copertina

    Frutta di stagione: perché fa bene e quando mangiare cosa

    Una fresca fetta di cocomero ad agosto, fragole a volontà in primavera e kiwi 100% italiani: scopri i frutti che, mese per mese, ti doneranno una salute di ferro


    copertina

    La Mela Annurca: piccola, rossa e squisita

    Gustosa, croccante, salutare e dalle incredibili proprietà benefiche: scopri perché questa straordinaria cultivar tra tutte le sue sorelle è considerata "la regina"


    Arriva il pomodoro bronzeo: buccia scura e tanti benefici

    È nato soltanto da qualche mese ma già promette di rivoluzionare il mondo dell'ortofrutta


    Varietà di fragole: conoscerle per amarle

    Berlubi, Sensa Sengana, Favette e Annabella: scopri tutte le versioni e le peculiarità del frutto più amato di tutti i tempi


    Pomodoro intense: il più amato dagli chef

    Non sgocciola, dura a lungo, può essere grigliato e tagliato a cubetti: alla scoperta di una delle più intriganti innovazioni ortofrutticole


    copertina

    Ortofrutta dall'Uganda all'Europa: il trend tra i focus del Macfrut

    Il paese del Lago Vittoria gode di un clima straordinario che consente la produzione destagionalizzata di orticole e frutta esotica


    copertina

    La Fiera di Rimini ai nastri di partenza: sarà la più internazionale della storia

    Domani l'attesa inaugurazione: ci saranno 50 paesi di cui ben 22 africani


    copertina

    Cambiano le abitudini dei giovani e i consumi di frutta e verdura schizzano

    I dati diffusi da Coldiretti in occasione del Macfrut 2019 inaugurato oggi