Banana Blue Java: il frutto esotico che sa di vaniglia e non teme il freddo

Condividi su Facebook


Prodotti
Pubblicato il 05-06-2019 da Barbara Savodini
banana blue java matura e acerba
La banana blue java ha un inconfondibile colore azzurro quando è acerba ma, man mano che raggiunge il punto perfetto di maturazione, diventa prima verde e poi gialla..

Tabella dei contenuti


    Non teme il freddo, sa di vaniglia, ha la consistenza del gelato... la Banana Blue Java è senz'altro uno di quei frutti che, solo a vederli, destano stupore e curiosità.

    È considerata a tutti gli effetti una esoticità, è infatti possibile trovarla in luoghi come

    • le Isole Fiji
    • le Hawaii
    • le Filippine
    • l'America Centrale

    ma, a differenza di altre rarità come il frutto del drago, resiste benissimo anche a temperature piuttosto rigide.

    La sua particolarità è la buccia: di colore blu quando è acerba diventa tendente al verde-giallo quando arriva al perfetto punto di maturazione e, proprio per questo motivo, ha molte proprietà in comune con la più vasta categoria della frutta gialla

    In natura, però, si sa, il blu non è un colore particolarmente comune da qui una serie di leggende e curiosità circa l'origine e le proprietà di questa piccola ma gustosissima banana.

    In effetti la banana blue java è un ibrido, derivante dall'innesto della Musa balbisiana con la Musa acuminata: la fusione di queste due specie ha dato vita ad una pianta con radici fortissimi, in grado di resistere a intemperie, venti e cicloni.

    Banana Blue Java: sapore e consistenza

     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

    ??????h~ä~r~v~ë~š~t????????? #harvest #naner #banana #bluejava #rack #ripe #and #juicy

    Un post condiviso da ???? (@misspakalolo) in data:

    Come dicevamo, il sapore della banana blu evoca in maniera piuttosto chiara il gusto della vaniglia.

    La consistenza della polpa ricorda invece quella del gelato da qui l'epiteto di banana che sa di gelato alla vaniglia.

    Si tratta, in effetti, di una varietà molto simile alla comunissima Cavendish ma, in effetti, più piccola.

    A maturazione perfetta, la buccia diventa color giallo pallido, mentre la polpa assume il tradizionale colore biancastro che caratterizza le altre sorelle della grande famiglia delle banane.

    È questo il segno che il frutto è pronto per essere mangiato, sia crudo che cotto.

    Albero e coltivazione della banana blue

    Il banano blue java è sostanzialmente un tradizionale albero di banane con foglie gigantesche e caschi pieni di frutti di gradazioni blu, verde o giallo a seconda del punto di maturazione.

    Questa specie è più grande e forte rispetto alle sue simili, supera abitualmente i 5-6 metri, ma ha rispetto alle altre varietà la caratteristica di saper resistere benissimo al freddo.

    In alcuni casi, questo straordinario banano risponde bene anche in luoghi dove le temperature scendono fino a 6-7 gradi sotto lo zero.

    Una bella notizia per l'Italia dove in tanti, dal Lazio in su, cercano da sempre di avviare coltivazioni casalinghe di banani con risultati sempre poco incoraggianti.

    Le piante tradizionali, in sostanza, resistono bene ma solo di rado producono frutti nel centro e nord Italia.

    Il banano della blue java, incece, si comporta anche alle nostre latitudini più come un limequat o un kumquat.

    Dove comprare il banano blue java

    Per coltivare la banana blue il consiglio è quello di acquistare piantine già cresciutelle, su internet è possibile acquistare piante di pochi centimetri ma anche piante ben più sviluppate.

    Attualmente gran parte dei rivenditori sono statunitensi ma riescono a garantire consegne celeri e piante in stato di ottima salute.

    Se il freddo non è un problema potrebbe esserlo la luce: questa pianta richiede infatti una buona esposizione per almeno metà della giornata ed è questo il motivo per cui essa cresce principalmente all'equatore.

    In inverno le foglie diventeranno marroni ma niente paura: in primavera riacquisteranno il loro naturale colore verde-argento e daranno vita a caschi pieni di piccole e gustosissime banane blu.

    Una volta acquistata la pianta, se non è molto grande, sarà necessario un tempo compreso tra i nove e i 15 mesi prima che cominci effettivamente a generare i primi frutti (15-20 mesi dopo la semina).

    Solo a quel punto potrai fare una vera e propria scorpacciata di blue java banana e invitare tutti i tuoi amici per far scoprire loro il leggendario sapore di gelato alla vaniglia di cui si parla tanto in tutto il mondo.

    Le foglie del banano blu

    piantagione banana blue java grandi foglie
    Le foglie di questa pianta sono enorme e vengono utilizzate in varie parti del mondo per piatti a base di pesce e persino come vassoi

    Colore a parte, la vera novità di questo frutto, che in effetti può essere utilizzato come una tradizionale banana, sono le foglie della pianta.

    Esse sono grandissime e molto saporite motivo per cui diventano preziose per preparare cartocci di pesce e carne da grigliare sul barbecue oppure per il classico pesce al cartoccio.

    Banana blu: un solo frutto, tanti nomi

    Quella che in Europa e in America è conosciuta come banana blue java in effetti è nota, in altre parti del mondo, con nomi diversi e piuttosto fantasiosi.

    Ecco i più diffusi:

    • Ice Cream Banana
    • Banana hawaiana
    • Ney Mannar
    • Krie
    • Cenizo

    Anche tu sei un fan della banana blue java? Raccontaci in una mail (press@ortofrutta.com) dove l'hai acquistata, quanto l'hai pagata e se ti è piaciuta. Arricchiremo il nostro articolo.

    Leggi anche

    copertina

    Varietà di fragole: conoscerle per amarle

    Berlubi, Sensa Sengana, Favette e Annabella: scopri tutte le versioni e le peculiarità del frutto più amato di tutti i tempi


    copertina

    Zenzero: la miniguida che scioglierà tutti i tuoi dubbi

    Usi, benefici, proprietà ma anche consigli e curiosità sulla spezia più trendy del momento


    copertina

    Frutta di stagione: perché fa bene e quando mangiare cosa

    Una fresca fetta di cocomero ad agosto, fragole a volontà in primavera e kiwi 100% italiani: scopri i frutti che, mese per mese, ti doneranno una salute di ferro


    copertina

    Arriva il pomodoro bronzeo: buccia scura e tanti benefici

    È nato soltanto da qualche mese ma già promette di rivoluzionare il mondo dell'ortofrutta


    copertina

    Alla scoperta del Kiwi di Latina IGP

    Polpa soda e verde smeraldo, sapore dolce ma non troppo, bollino inconfondibile e forma perfetta: come riconoscere la varietà pontina del più amato dei frutti autunnali


    copertina

    Packaging ortofrutta: le soluzioni più innovative

    È più conveniente la plastica o il cartone? E quali sono le soluzioni più green o personalizzabili? Una miniguida in continuo aggiornamento con le ultime novità in termini di imballaggi


    copertina

    Pomodoro cuore di bue: alla scoperta del re delle insalate

    Varietà, luoghi di produzione, ricette e caratteristiche del più grande dei fratelli rossi


    Pomodoro intense: il più amato dagli chef

    Non sgocciola, dura a lungo, può essere grigliato e tagliato a cubetti: alla scoperta di una delle più intriganti innovazioni ortofrutticole


    copertina

    Peperone di Senise Igp: il re della Basilicata è un'esplosione di dolcezza

    Piccolo, ornamentale e deliziosamente dolce: tutto sul prodotto simbolo della lucania


    copertina

    ''A tutto sapore'': Todis lancia il nuovo packaging plastic free

    Confezioni ecologiche e prodotti ortofrutticoli 100% italiani: la catena di supermercati dall'insegna gialla da oggi è più amica dell'ambiente


    copertina

    Fico Eataly World: l'ortofrutta protagonista del parco del cibo più grande del mondo

    Alla scoperta della Disneyland dell'agroalimentare Made in Italy: vigne, frutteti e orti nel cuore della città