Alla scoperta del Kiwi di Latina IGP

Condividi su Facebook

Prodotti
Pubblicato il 06-12-2018 da Barbara Savodini
kiwi latina igp frutto e marchio
Come riconoscere il kiwi Latina Igp? Innanzitutto tramite il bollino ma anche per polpa, colore e gusto unici.

Tabella dei contenuti


    Perché il kiwi Latina IGP è così famoso? Cos'ha di tanto speciale?

    La storia di questo straordinario frutto nasce in Oceania diversi secoli fa ma è soltanto negli ultimi 50 anni che tale varietà è stata introdotta nel Lazio ed è solo da 14 anni che ha conquistato il prestigioso marchio Igp.

    Ma procediamo con ordine, quali sono le carattetistiche di questo prodotto e da dove deriva l'Identificazione geografica protetta?

    • diametro inferiore all'altezza
    • peso di circa 90 g
    • gusto dolce-acidulo (estremamente gradevole quanto arriva a maturazione)
    • polpa soda color verde smeraldo chiaro
    • tanti piccoli semi neri a formare una corona
    • forma perfettamente elissoidale

     Insomma, il perché questa varietà sia riconosciuta come il kiwi per antonomasia non è un mistero. E anche se in tanti amano sperimentare assaggiando il kiwi rosso, oppure preparando una macedonia a base di kiwi giallo, è sempre il fratello verde a rispondere ad oltre il 90% delle richieste del mercato.

    Originario della Nuova Zelanda, Paese dal quale a partire dal 1957 ha “rubato” anche il nome in quanto tanto simile all'omonimo uccello, il kiwi verde è arrivato nel Lazio nel 1971 quando Ottavio Cacioppo decise di avviare una coltivazione sperimentale a San Felice Circeo.

    E poiché la pianta predilige terreni freschi, profondi, ben drenati e ricchi di sostanze minerali nonché il clima mite tipico delle latitudini laziali per almeno tre stagioni l'anno, non è stato difficile capire che l'agro pontino sarebbe diventato il luogo di produzione ideale.

    Nel 1978 Latina era già conosciuta in Italia come uno dei più importanti luoghi di produzione del kiwi verde.

    Da quel momento la strada per la conquista del marchio europeo Igp è stata tutta in discesa. Un obiettivo centrato, come noto, nel 2004.

    Kiwi verde di Latina: i comuni di produzione

    pianta kiwi latina
    Il Kiwi Layina Igp viene prodotto soltanto in 24 comuni laziali con determinate caratteristiche di clima e fertilità dei terreni

    La zona del kiwi Latina Igp è piuttosto vasta e, attualmente, comprende ben 24 comuni in due diverse province.

    I comuni di produzione in Provincia di Latina

    • Sabaudia
    • Latina
    • Pontinia
    • Priverno
    • Sezze
    • Sermoneta
    • Cori
    • Cisterna di Latina
    • Aprilia

    I comuni di produzione in Provinicia di Roma

    • Ardea
    • Pomezia
    • Marino
    • Castel Gandolfo
    • Albano Laziale
    • Ariccia
    • Genzano di Roma
    • Lanuvio
    • Velletri
    • Lariano
    • Artena
    • Palestrina
    • Zagarolo
    • San Cesareo
    • Colonna

    Negli ultimi tempi, le improvvise gelate invernali sconociute fino agli anni scorsi nel territorio pontino, hanno messo a dura prova questa varietà.

    Salvo imprevisti di sorta, in genere, il kiwi Latina IGP viene commercializzato da gennaio ad aprile e da ottobre a dicembre.

    Conservazione, consumazione e shelf life del kiwi di Latina

    Come ogni altra varietà di kiwi, questo frutto va conservato in frigo oppure in un luogo ombreggiato ma, in questo caso, va mangiato nell'arco di pochi giorni.

    Se ben riposto all'interno di un sacchetto di plastica, al fresco e lontano da altri frutti (in particolare dalle mele) può durare anche diverse settimane.

    Il kiwi Latina Igp, massima rappresentazione della cultivar Hayward, viene consumato dalla maggioranza delle persone assoluto, oppure in macedonie, ma negli ultimi anni vanno forte anche le preparazioni come marmellate, confetture, dolci, gelati, succhi, estratti, sciroppi e liquori.

    Le proprietà

    Le proprietà del kiwi verde di Latina sono sostanzialmente quelle della cultivar Hayward: esso è, in sostanza, dissetante, rinfrescante, diuretico e depurativo.

    Ma non solo: il kiwi Latina Igp è anche un vero e proprio concentrato di vitamina C, a parità di peso molto più rispetto a qualunque altro agrume. 

    Come riconoscere un “Kiwi Latina”?

    Innanzitutto il kiwi Latina Igp viene commercializzato con il marchio e la denominazione specifica “Kiwi Latina” apposta talvolta su ogni singolo frutto, talvolta sulla confezione.

    Questo speciale bollino però, che riporta la rappresentazione grafica del Colosseo, può essere apposto solo nell'area di produzione, ovvero nei 24 comuni succitati.

    Solo così è possibile garantire la piena tracciabilità del prodotto e assicurare i controlli che hanno reso il Kiwi Latina Igp famoso in tutto il mondo.

    Bollino a parte, questo frutto è di forma perfetta per via della tecnica del diradamento (vengono eliminati gli esemplari imperfetti così da lasciare su ogni pianta al massimo 800-1000 unità) ed è dolce ma non troppo (6,2 gradi brix).

    Confoderlo, insomma, è possibile solo per un consumatore inesperto.

    Il Consorzio che protegge il kiwi verde di Latina

    bollino consorzio di tutela Latina
    Non sei sicuro che si tratti di un kiwi Igp di Latina? Controlla il bollino

    Preservare il marchio Igp non è affatto semplice tant'è che, negli ultimi anni, molti produttori hanno deciso di abbandonare questa strada e di proseguire in autonomia.

    A tutelare il kiwi Latina Igp è oggi un Consorzio di Tutela, istituito nel 2015 e presieduto da Rocco D'Uva.

    Oggi, proprio a causa delle normative ristrettissime, il terreno coltivato con questa varietà e di circa 300 ettari per un totale di 15 produttori ma l'obiettivo del presidente D'Uva è quello di tornare ai 1.000 ettati del 2004 con la modifica del disciplinare e l'ingresso di nuovi soci.

     

    Leggi anche

    copertina

    Varietà ortofrutticole in via di estinzione: arrivano i sigilli

    L'iniziativa di Coldiretti per salvare la biodiversità contadina: secondo gli ultimi dati perse 3 eccellenze su 4


    copertina

    Varietà di fragole: conoscerle per amarle

    Berlubi, Sensa Sengana, Favette e Annabella: scopri tutte le versioni e le peculiarità del frutto più amato di tutti i tempi


    copertina

    Prevenzione contro il tumore al seno: il bollino di Chiquita diventa rosa

    Il simbolo raggiungerà nel solo mese di ottobre 200 milioni di persone in 70 paesi del mondo


    copertina

    L'ortofrutta più divertente di tutti i tempi? Quella di Esselunga

    A distanza di 23 anni la campagna pubblicitaria promossa dal colosso della gdo è ancora considerata tra le migliori della storia


    copertina

    Kiwi giallo: origine, usi e proprietà

    Contiene tre volte i quantitativi di vitamina C di un arancio, è dolcissimo e versatile in cucina: dopo averlo provato non potrai farne più a meno


    Arriva il pomodoro bronzeo: buccia scura e tanti benefici

    È nato soltanto da qualche mese ma già promette di rivoluzionare il mondo dell'ortofrutta


    Pomodoro intense: il più amato dagli chef

    Non sgocciola, dura a lungo, può essere grigliato e tagliato a cubetti: alla scoperta di una delle più intriganti innovazioni ortofrutticole


    copertina

    Quali sono i migliori oli italiani? I nomi regione per regione

    Secondo la guida "Flos Olei 2019" la medaglia d'oro è da dividere in sette


    copertina

    Dolce, antiossidante, buono: tutti pazzi per il datterino giallo

    Quanto costa, dove viene coltivato, come cucinarlo e, soprattutto, come riconoscerlo: scopri tutto sul pomodoro color oro