Carciofo romanesco Agnoni: il gusto della lavorazione tradizionale

Condividi su Facebook


Prodotti
Pubblicato il 28-06-2019 da Redazione
carciofo romanesco agnoni
Grande, bello, tondeggiante, senza spine e privo di peluria interna: il carciofo romanesco è una delizia per gli occhi e per il palato.

Tabella dei contenuti


    Quella del carciofo romanesco Agnoni è una di quelle storie che meritano di essere raccontate.

    L'azienda, con sede a Cori (LT), lavora solo materie prime provenienti da coltivazioni controllate: no a concimi chimici e pesticidi, dunque, ma no anche a tutte quelle realtà agricole che vedono la terra come una risorsa da sfruttare nell'accezione peggiore del termine.

    La lezione che si continua ad applicare in casa Agnoni, un enorme podere in contrada Copellaro, poco distante dal paese, è quella di famiglia, di nonna Nena più precisamente: rispetto della terra, dei suoi ritmi e della stagionalità

    La lezione di Nonna Nena: rispetto della terra, dei suoi ritmi e della stagionalità.

    È in questo contesto che prendono forma i carciofi romaneschi Agnoni, punta di diamante di un'azienda agricola-frantoio che ha anche molto altro da offrire.

    Per tutte le lavorazioni, sott'olio, creme o quant'altro, genuinità della materia prima a parte, vige un'altra, ancor più importante, regola: niente additivi, né conservanti, ma solo ingredienti naturali come sale, aceto e olio per restituire ai consumatori i sapori di una volta.

    A fare la differenza, però, sono anche le ricette: le migliori del territorio che gli Agnoni si tramandano di generazione in generazione.

    Carciofo romanesco: come riconoscere l'originale?

    carciofi con gambo
    Agnoni propone i carciofi romaneschi in diverse versoni: con il gambo (nella foto), alla brace, alla cafona e i cuori di carciofo sono i lavorati più gettonati

    Abbiamo già detto che uno dei segreti dei prodotti sott'olio Agnoni sono le materie prime.

    Nel caso del carciofo si tratta davvero di un unicum nel panorama internazionale.

    L'azienda di Cori utilizza infatti solo l'autentico romanesco: senza spine, di grandi dimensioni, di forma tondeggiante e privo di peluria interna.

    Una specialità coltivata esclusivamente nelle province di Roma, Viterbo e Latina, in particolare Sezze, perciò si parla anche, più genericamente, di carciofo romanesco del Lazio.

    Il periodo di raccolta di questo prodotto va da marzo a maggio ma i lavorati, naturalmente, sono disponibili tutto l'anno.

    Affinché si possa parlare di autentico romanesco (cimarolo/mammola), ogni carciofo deve avere le seguenti caratteristiche:

    • diametro non inferiore ai 10 cm (7 cm per i frutti laterali)
    • forma sferica
    • colore verde-viola
    • 3 etti di peso circa

    Ricette con i carciofi romaneschi

    I lavorati dell'azienda Agnoni, gustosi nella loro semplicità, sono perfetti come aperitivi, antipasti e contorni.

    Crema di carciofi su pane casereccio, spicchi di carciofo accompagnati con formaggi tipici, fritti, freschi: in tutte le forme possibili i carciofi agnoni sono sempre squisiti.

    Questa varietà di carciofo, in effetti, è divenuta famosa nel tempo per via di alcune ricette la cui fama ha da tempo travalicato i confini locali:

    • Carciofi alla cafona
    • Carciofi romaneschi ripieni al forno
    • Carciofi alla giudia
    • Carciofi alla matticella

    "I carciofi alla matticella – ricordano gli Agnoni sul sito ufficiale - sono un grande classico della tradizione: si preparavano durante la potatura delle viti, lasciandoli cuocere lentamente sotto le braci ancora calde dei viticci bruciati. L’interno è farcito con aglio tritato, mentuccia romana e olio extravergine d’oliva".

    Da anni, ormai, le ricette a base di carciofi romaneschi hanno travalicato i confini locali.

    Ma come fare quando la materia prima scarseggia? Ecco che entrano in gioco i lavorati Agnoni.

    Nel video la famiglia è andata in trasferta oltreocenano per mostrare, agli chef di Canada e Stati Unici, le autentiche ricette laziali.

    Non solo carciofi: tutti i prodotti Agnoni

    carciofi sottolio
    Agnoni propone non solo carciofi sott'olio ma anche peperoni, cipolle, funghi, melanzane, zucchine e molte altre specialità. Sempre la stessa la formula: materie prime genuine, ricette tradizionali, ingredienti semplici e naturali.

    Agnoni, naturalmente, non è solo carciofi ma un mondo di lavorati che merita di essere scoperto e gustato.

    Oltre all'olio Evo (Agnoni è anche un rinomato frantoio) e alle creme (funghi, carciofi, carciofi e peperoni), l'azienda realizza una vastissima gamma di lavorati unici nel loro genere.

    Cuori di carciofi, carciofi con gambo e carciofi alla brace, ma anche cipolle balsamiche, funghi, melanzane, peperoni e zucchine alla brace e molto alto.

    Dai uno sguardo al catalogo Agnoni per conoscere la gamma completa e tutta la storia dell'azienda.

    Leggi anche

    copertina

    Varietà di fragole: conoscerle per amarle

    Berlubi, Sensa Sengana, Favette e Annabella: scopri tutte le versioni e le peculiarità del frutto più amato di tutti i tempi


    copertina

    Alla scoperta del Kiwi di Latina IGP

    Polpa soda e verde smeraldo, sapore dolce ma non troppo, bollino inconfondibile e forma perfetta: come riconoscere la varietà pontina del più amato dei frutti autunnali


    copertina

    Alla scoperta della Aop Luce: qualità, certificazione e stagionalità

    Melannurca, fragola favetta, sedano bianco e kaky vaniglia: tutto sul consorzio che produce e commercializza alcune delle specialità ortofrutticole che hanno reso il Bel Paese famoso in tutto il mondo


    copertina

    Candonga: la fragola dolcissima maturata al sole della Basilicata

    Color rosso rubino (dentro e fuori), grado Brix straordinario rispetto alle sue sorelle, forma conica perfetta e dolcezza infinita: la varietà Sabrosa del Metapontino è a dir poco sorprendente


    copertina

    Fico bianco del Cilento DOP: ad Agropoli l'azienda bio che esporta la tradizione

    Buccia chiara, polpa dolcissima ed essiccazione naturale: “Il Fico” di Guido Ruocco è l'orgoglio della Campania


    copertina

    Cocomero pontino: alla scoperta del frutto simbolo dell'estate

    Croccante, extra dolce, uniformemente matura e superi ricca di proprietà benefiche: il cocomero prodotto nel triangolo d'oro verso il riconoscimento Igp


    Arriva il pomodoro bronzeo: buccia scura e tanti benefici

    È nato soltanto da qualche mese ma già promette di rivoluzionare il mondo dell'ortofrutta


    Pomodoro intense: il più amato dagli chef

    Non sgocciola, dura a lungo, può essere grigliato e tagliato a cubetti: alla scoperta di una delle più intriganti innovazioni ortofrutticole


    copertina

    Coldiretti lancia il Mango Day: un giorno dedicato al primo raccolto 100% Made in Italy

    Il prodotto, secondo gli esperti, è 7 volte più sicuro di quello importato da Paesi con minori garanzie


    copertina

    ''A tutto sapore'': Todis lancia il nuovo packaging plastic free

    Confezioni ecologiche e prodotti ortofrutticoli 100% italiani: la catena di supermercati dall'insegna gialla da oggi è più amica dell'ambiente


    copertina

    Anguria Gialla: il cocomero cambia colore e si riempie di vitamine

    A tu per tu con la “Mangani&Riccardi”: il frutto più “in” dell'estate è dolce e ricco di carotenoidi