Zenzero: la miniguida che scioglierà tutti i tuoi dubbi

Condividi su Facebook


Prodotti
Pubblicato il 15-03-2019 da Barbara Savodini
zenzero fresco e in polvere
Esotico, salutare e versatile: lo zenzero è il quid che fa la differenza in moltissime ricette ed è un vero e proprio toccasana.

Tabella dei contenuti


    Zenzero: siamo abituati a considerarlo un prodotto ortofrutticolo al pari dell'aglio o della cipolla, oppure una spezia, come il pepe verde, o addirittura un tubero come il topinambur, in realtà il discorso è ben più interessante.

    Lo zenzero è infatti una pianta erbacea (tutt'altra cosa rispetto alle erbe aromatiche), appartenente alla vasta famiglia delle Zingiberaceae, come la curcuma, e ciò che siamo abituati a utilizzare in cucina come prodotto fresco è in realtà il rizoma: un rigonfiamento della radice (rizo = radice; oma = suffisso che sta per rigonfiamento).

    Ora che abbiamo chiarito che cos'è lo zenzero andiamo a scoprirne le proprietà, i benefici e gli usi che, non sorprenderà sapere, vanno ben oltre la cucina.

    La pianta dello zenzero è infatti meravigliosa e viene utilizzata anche per estrarre oli essenziali e per la realizzazione di profumi dalle note esotiche e accattivanti.

    La radice di zenzero

    rizoma zenzero primi germogli
    Come si evince da questa fotografia, la parte commestibile non è la pianta ma il rizoma che si trova sotto terra e sporge leggermente in superficie

    Abbiamo già detto che l'espressione radice di zenzero è impropria, bisognerebbe parlare piuttosto di rizoma di zenzero, ma la useremo comunque di tanto in tanto per comodità.

    Qual è il primo approccio con questa strana radice bitorzoluta? Beh essa va trattata come una patata: si lava per bene e poi si sbuccia con un coltello o con un pelapatate.

    Come usare lo zenzero fresco?

    Se non si utilizza tutto il rizoma subito, anche perché per ogni pietanza ne basta una quantità minima, esso va conservato in frigo come fosse un qualunque altro prodotto ortofrutticolo, meglio se in un contenitore di vetro o ermetico.

    Lo zenzero può essere grattugiato sulle pietanze, tagliato a rondelle e bollito per fare le tisane oppure inserito in un estrattore per arricchire di sapore e proprietà un gustosissimo succo.

    Come essiccare lo zenzero

    In alternativa, per conservare lo zenzero più a lungo, è possibile essicarlo seguendo due diversi procedimenti.

    In microonde

    Con il microonde basta sbucciarlo, tagliarlo a dadini, inserirlo nel forno alla massima temperatura per 5 minuti e poi ripetere l'operazione per lo steso tempo ma a temperatura inferiore.

    Al sole

    Dopo aver sbucciato, lavato per bene e tagliato (a rondelle o a dadini) il rizoma, va lasciato per diversi giorni al sole.

    Zenzero bollito

    zenzero e limone
    Una tisana zenzero e limone ha tutt'altro sapore se viene preparata con un prodotto fresco

    Come bollire lo zenzero? Qualunque sia l'uso dello zenzero, esso richiede una bollitura compresa tra i 14 e i 20 minuti a seconda della freschezza del prodotto.

    Se lo scopo della lessatura è quello della tisana, ti basterà far bollire l'acqua e lasciare lo zenzero in infusione per una decina di minuti.

    La tisana zenzero e limone, in particolare, è antinfiammatoria, digestiva, disintossicante, idratante e stimolante per il sistema immunitario. Non solo: questa famosa bevanda è considerata anche una preziosa alleata per combattere la sensazione di fame.

    Proprietà dello zenzero

    Gran parte della fama dello zenzero, oltre che al suo sapore piccantino, è probabilmente dovuta al gran numero di proprietà ed effetti benefici che può portare all'organismo.

    Lo zenzero, in qualunque modo venga assunto, è infatti un antiossidante naturale dall'elevato potere antinfiammatorio. Esso è inoltre indicato nei regimi alimentari detox.

    Chi soffre di nausea o problemi di digestione, inoltre, troverà nello zenzero un grande alleato.

    Masticarne un pezzetto oppure assumerne una capsula a base di estratto secco può infatti ridurre a zero ogni tipo di disturbo connesso allo spettro digestivo.

    Alla lunga, invece, ovvero per chi consuma zenzero abitualmente, i benefici sono moltissimi: questa strana radice bitorzoluta è infatti in grado di prevenire i malanni di stagione come tosse, raffreddore e mal di gola e, quando compaiono i primi sintomi, aiuta a combatterli.

    In estate sotto forma di estratto o in inverno in versione tisana: l'effetto è assicurato.

    Ecco spiegato perché questo straordinario rizoma è tra gli ingredienti principali di moltissimi medicinali.

    Non stupisce che in Africa e in molti paesi orientali, lo zenzero venga considerato a tutti gli effetti un farmaco.

    Il vero motivo della grande fama dello zenzero negli ultimi anni, tuttavia, risiede nella sua capacità di bruciare i grassi.

    Questa proprietà tanta amata dai cultori del fisico scolpito e della linea è dovuta alla termogenesi (produzione di calore) innescata dal gingerolo.

    In soldoni? Mangiare regolarmente zenzero accelera il metabolismo.

    Calorie e valori nutrizionali dello zenzero

    Anche se lo zenzero viene solitamente mangiato in piccolissime quantità e quindi il concetto di calorie per ogni 100 g di prodotto passa in secondo piano, ecco la tabella nutrizionale completa:

    80 kcal per 100 g

    • Proteine 1,82 g
    • Carboidrati 17,77 g
    • Zuccheri 1,7 g
    • Grassi 0,75 g
    • Colesterolo 0 mg
    • Fibra alimentare 2 g
    • Sodio 13 mg

    Controindicazioni dello zenzero

    Come gran parte dei prodotti ortofrutticoli, anche lo zenzero non ha particolari controindicazioni, in linea di massima va però evitato in caso di gastriti e ulcere, al pari delle spezie e del peperoncino.

    In caso di allattamento, gravidanza e assunzione di antinfiammatori è comunque consigliabile consultare un medico.

    La Pianta di Zenzero

    pianta di zenzero
    La pianta di zenzero è bellissima ma se hai intenzione di coltivarla non per scopi ornamentali dovrai avere molta pazienza: per raccogliere il primo rizoma di qualità sono necessari almeno 10 mesi.

    E se ti dicessi che potresti coltivare la pianta di zenzero in giardino così da non avere problemi di conservazione e poter cogliere i rizomi all'occorrenza?

    La buona notizia è che si tratta di una specie che non richiede particolari cure, la brutta è che, per usare i rizomi, dovrai aspettare almeno dieci mesi.

    Inoltre ti servirà anche una piccola serra, altrimenti d'inverno ti toccherà tenere il vaso in casa così da proteggere le piante in attesa del ritorno della primavera.

    Il momento giusto per piantare lo zenzero è da novembre a marzo-aprile ma per farlo avrai bisogno di un rizoma.

    Dovrai innaffiare spesso le piantine ma, allo stesso tempo, prestare attenzione alle gelate improvvise e, soprattutto, ai ristagni.

    Il segreto per far crescere lo zenzero è quello di coprire di terra i primi germogli così che la pianta "si impegni" a sviluppare radici più sane e forti. 

    Ecco alcune regole considerate basilari per coltivare lo zenzero:

    • posizionare la pianta in un luogo molto luminoso in cui non arrivi il sole diretto
    • stare attenti ai ristagni
    • riparare la coltivazione dal freddo e dal gelo
    • posizionare gli occhi (o i germogli) verso l'alto

    La pianta di Zenzero non è solamente molto utile ma è anche bellisima: curarla e farla crescere donerà anche un tocco di esoticità al tuo giardino. 

    Zenzero Italiano: un progetto sempre più vicino

    Come accennato nel paragrafo precedente, coltivare lo Zenzero in Italia è possibile ma produrlo in quantitativi massicci e commercializzarlo è tutt'altra storia.

    Attualmente sono in fase di sperimentazione alcune produzioni di zenzero in serra che sembrano particolarmente promettenti.

    L'azienda Agritechno, con il supporto della Dal Monte, sta infatti riuscendo in questa sfida.

    Quanto alle coltivazioni a campo aperto, in Sicilia sono stati ottenuti i traguardi migliori ma la produzione, di circa 25 tonnellate di prodotto per ettaro, è meno competitiva rispetto a quella delle zone tropicali (40 tonnellate per ettaro).

    D'altro canto, lo zenzero italiano si presenta più profumato, più sicuro, più succoso e più aromatico rispetto ai prodotti di importazione.

    Curiosità sullo zenzero

    Anche se non si direbbe dal sapore, lo zenzero è l'ingrediente che ha dato il nome ai mitici biscottini di Natale i quali, a loro volta, hanno dato origine alle storie sul gingerbread man (l'omino di pan di zenzero).

    Un'altra curiosità sullo zenzero? Ne esistono almeno un centinaio di varietà. Ecco le più famose:

    • zenzero cinese
    • zenzero grigio
    • zenzero rosso
    • zenzero bianco

     

     

     

     

     

    Leggi anche

    copertina

    Alla scoperta del Kiwi di Latina IGP

    Polpa soda e verde smeraldo, sapore dolce ma non troppo, bollino inconfondibile e forma perfetta: come riconoscere la varietà pontina del più amato dei frutti autunnali


    copertina

    Corbezzolo: alla scoperta del frutto simbolo dell'Italia

    Fiori bianchi, bacche rosse e foglie verdi: oltre ad essere un autentico patriota è anche versatile, squisito e ricchissimo di vitamine


    copertina

    Dolce, antiossidante, buono: tutti pazzi per il datterino giallo

    Quanto costa, dove viene coltivato, come cucinarlo e, soprattutto, come riconoscerlo: scopri tutto sul pomodoro color oro


    copertina

    La Mela Annurca: piccola, rossa e squisita

    Gustosa, croccante, salutare e dalle incredibili proprietà benefiche: scopri perché questa straordinaria cultivar tra tutte le sue sorelle è considerata "la regina"


    copertina

    Prodotti bio: l'italia ne importa 3,4 mld di kg l'anno ma molti sono cinesi

    L'appello del presidente della Coldiretti Ettore Prandini: "Aumentare i controlli sugli arrivi dall'estero"


    copertina

    Erbe aromatiche: è completo il tuo orto?

    Come usarle, dove acquistarle e quando coltivarle: la mini guida che risponderà a tutte le tue domande


    copertina

    Frutto del drago: il superfruit della notte senza filtri

    Perché è chiamato il frutto della notte? Come si mangia? E quali sono le sue proprietà? Scopri tutto sulla Pitaya, il più colorato dei frutti esotici


    Arriva il pomodoro bronzeo: buccia scura e tanti benefici

    È nato soltanto da qualche mese ma già promette di rivoluzionare il mondo dell'ortofrutta


    Varietà di fragole: conoscerle per amarle

    Berlubi, Sensa Sengana, Favette e Annabella: scopri tutte le versioni e le peculiarità del frutto più amato di tutti i tempi


    Pomodoro intense: il più amato dagli chef

    Non sgocciola, dura a lungo, può essere grigliato e tagliato a cubetti: alla scoperta di una delle più intriganti innovazioni ortofrutticole


    copertina

    Peperone di Senise Igp: il re della Basilicata è un'esplosione di dolcezza

    Piccolo, ornamentale e deliziosamente dolce: tutto sul prodotto simbolo della lucania


    copertina

    ''A tutto sapore'': Todis lancia il nuovo packaging plastic free

    Confezioni ecologiche e prodotti ortofrutticoli 100% italiani: la catena di supermercati dall'insegna gialla da oggi è più amica dell'ambiente


    copertina

    Fico Eataly World: l'ortofrutta protagonista del parco del cibo più grande del mondo

    Alla scoperta della Disneyland dell'agroalimentare Made in Italy: vigne, frutteti e orti nel cuore della città